Piazza della Mercanzia

Piazza della Mercanzia

Piazza della Mercanzia prende il nome dal palazzo omonimo che si sviluppa su uno dei suoi lati e che indica anche l’origine commerciale di questa piazza.
La piazza ha una forma vagamente triangolare e bisognerebbe definirla più una piazzetta per le sue dimensioni ridotte.
Il bel palazzo della Mercanzia ha svolto anche la funzione di dogana e di tribunale ed ha segnato la vita commerciale della città.
Molto bello anche il portico ligneo che impreziosisce un palazzo sempre di stile gotico adiacente al palazzo della mercanzia.
Per arrivare alla situazione attuale, alla fine dell’800 si è dovuto sacrificare ed abbattere tre torri private che “occupavano” il suolo della piazza e che ne penalizzavano la visione di insieme.
Visto il risultato estetico definitivo ed aggiungendo che la viabilità attuale non sarebbe mai stata possibile altrimenti, non si è mai polemizzato per la demolizione di queste tre torri che risalivano all’epoca medioevale.
Considerata la posizione centrale di piazza della Mercanzia confinante con le Due Torri, piazza Santo Stefano, via Castiglione e la cura costruttiva dei palazzi che la compongono, questo scorcio è considerato uno dei più significativi ed apprezzati dell’intera  città di Bologna.